Dona il tuo

5x1000

CF 94545190152

Basta una firma!

  • Facebook
  • Instagram
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • YouTube
ASSOCIAZIONE
ANTONIA VITA CARROBIOLO

Vicolo Carrobiolo 2, 20900 Monza -MB-

039.323954   centro.avita@gmail.com

CF 94545190152

© 2023 by  created by Alice Ripamonti with Wix.comTerms of Use  |   Privacy Policy

"Non c’è nulla che sia più ingiusto

quanto far parti uguali fra disuguali” 

-  Don Lorenzo Milani -

SCUOLA POPOLARE

La storia della Scuola Popolare ha inizio nel 1997, all’interno dello spazio del Doposcuola dell’Associazione Antonia Vita-Carrobiolo per aiutare F., che a 15 anni si trovava a dover ripetere la terza media, dopo essere già stato bocciato in prima e in seconda.
Per F. e per tutti i ragazzi venuti dopo di lui, il diritto fondamentale che il progetto Scuola Popolare vuole vedere realizzato è quello del sentirsi “adeguato” e trovare qualcuno che creda in lui. In conseguenza di questo, i ragazzi portano la necessità di ripartire da zero, di trovare e sperimentare ritmo e regole per uscire dal caos, di recuperare le lacune didattiche, di trovare un posto in cui sentirsi bene.

A CHI

Il progetto si rivolge a ragazzi dai 14 ai 18 anni che non abbiamo conseguito il diploma di terza media.

L’invio avviene tramite le scuole del territorio.  

COSA

I ragazzi rimangono iscritti nella loro scuola di provenienza, dove svolgeranno anche l’esame di terza media, ma frequentano quotidianamente presso la nostra sede, seguendo il programma concordato con la scuola.

Oltre alle lezioni teoriche relative alle diverse materie curriculari, proponiamo percorsi che possano includere nuove modalità del fare didattica, nuovi ambienti in cui farla e nuove possibilità di imparare a fare e imparare facendo.
Lezioni individuali, per preparare le materie più impegnative in vista dell’esame.
Lezioni di gruppo, per non perdere la dimensione della classe.
Laboratori, per sviluppare competenze, guidati da professionisti esperti.
Attività ed esperienze, per crescere insieme.

PERCHE'

Ciò che offriamo ai ragazzi, più e prima che recuperare in conoscenze, nozioni e competenze, relazioni d’insegnamento-apprendimento che li aiutino ad acquisire l’autonomia vitale.

L’insuccesso scolastico e formativo, infatti, lascia la sua traccia non solo nella fragilità degli alfabeti appresi, quanto nella debole strutturazione della personalità, nell’insicurezza e nella sfiducia verso le Istituzioni, di cui la scuola è simbolo e da cui ci si allontana.

CONTATTI

Coordinatrice: Cecilia D'Alessio